Street food: come avviare e limiti di utilizzo

Apertura AttivitàLicenze Commerciali
54380073a1742f2bf539eac4
Quando si è alle prese con l’avvio di una nuova attività è necessario non sbagliare proprio nulla. Proprio la fase di avvio di ogni genere di attività, infatti, è la più importante per riuscire ad incassare un successo dietro l’altro.
Per tale ragione, è necessario occuparsi in maniera certosina di ogni genere di pratica burocratica, evitando di compiere errori dovuti alla superficialità o, ancor peggio, all’inesperienza. Tali errori possono essere ancor più frequenti se quella che si ha intenzione di avviare è un’attività cosiddetta on the road.
Come è facile immaginare, dunque, ad essere fondamentale è l’assistenza di esperti del settore, in grado di seguire ogni fase dell’attività, al fine di evitare di dover fare i conti con errori più o meno gravi.
Quello dello street food è, senza alcun dubbio, un settore molto complesso ma, allo stesso tempo, particolarmente redditizio. Per riuscire a lavorare in tempi relativamente rapidi, però, è necessario fare attenzione a tutti gli obblighi di legge. Ma vediamo di scendere più nel dettaglio e di capire come avviare un’attività di street food e, soprattutto, quali sono i relativi limiti di utilizzo.

Street food: come avviare l’attività

Ovviamente, per avviare un’attività di street food è necessario avere tutti i requisiti cosiddetti soggettivi previsti dalla norma attualmente in vigore riguardante, appunto, il commercio ambulante. Le alternative sono molte. Per prima cosa, ad esempio, si può essere iscritti all’apposito registro degli esercenti nella categoria relativa alla somministrazione al pubblico. In tal caso, è sufficiente recarsi presso la camera di commercio del proprio Comune. Un’opzione di cui tenere conto è rappresentata, poi, dalla frequentazione di corsi specifici e, conseguentemente, dal superamento dei relativi esami. In alternativa, è necessario dimostrare di aver lavorato in qualità di dipendente, socio o titolare in un’attività, appunto, di vendita di prodotti alimentari per cinque anni.
Nel caso in cui non si fosse in possesso di tali requisiti, si deve dimostrare almeno di essere diplomati presso un istituto alberghiero o di essere in grado di avere nel proprio organico una persona con tali requisiti.
Dopo aver dimostrato di essere in possesso dei requisiti in questione, non resta altro da fare che procedere con la richiesta della licenza. Tra l’altro, la procedura, rispetto al passato, è molto più rapida.

Le limitazioni

In merito alla concessione della licenza, è necessario fare presente che tutti i richiedenti hanno a possibilità di scegliere solo tra due tipologie: la concessione decennale e la concessione che consente la vendita cosiddetta itinerante.
Nel primo caso, si ha la possibilità di avere una postazione fissa. In questo caso, dunque, si ha a che fare con un’attività pressoché stabile. L’autorizzazione viene rilasciata dalla Regione di competenza ma consente di lavorare senza alcun genere di problema in tutta Italia. Nel secondo caso, invece, si riceve l’autorizzazione per vendere cibo e bevande solo in maniera itinerante o, al massimo, durante le fiere. Tale autorizzazione è valida su tutto il territorio nazionale e deve essere rinnovata di volta in volta. Per quanto riguarda i parcheggi, poi, è necessario accordarsi con le varie autorità locali.
Ovviamente, la scelta della tipologia dipende principalmente dal budget che si intende investire nell’attività.
In seguito, poi, è necessario scegliere anche il mezzo di trasporto con il quale vendere cibi e bevande. Anche in questo caso, la scelta è legata principalmente al denaro che si è deciso di investire nell’avvio dell’attività.
In ogni caso, per avviare ogni genere di attività è buona norma rivolgersi ad esperti del settore in grado di seguire in maniera scrupolosa ogni fase.
La Novapraxis si occupa di seguire passo dopo passo tutte le fasi dell’avvio di un’attività, in questo caso, di street food. Scegliendo di affiancarsi ad un’azienda come la Novapraxis si ha la certezza di non sbagliare e, pertanto, di partire con la propria attività in tempi rapidi e, soprattutto, senza avere il timore di dover fare i conti con errori di vario genere dovuti principalmente all’inseperienza.
Creazione Siti WebSiti Web Roma